Anoressia

anoressia

ANORESSIA

l’anoressia è caratterizzata dal fatto che la persona interessata rifiuta il cibo e ha ossessivamente paura di ingrassare.

È una patologia molto grave che può avere conseguenze di malnutrizione, amenorrea, e che nei casi più gravi può portare alla morte. Vengono coinvolte funzioni psicologiche, ormonali e metaboliche, neuroendocrini pertanto i possibili trattamenti (ancora in fase di studio) coinvolgono le cure farmacologiche e  psicologiche; a seconda della gravità della situazione può essere richiesto un ricovero in strutture specifiche.

Anche se l’anoressia è considerata una malattia del mondo industrializzato, sono stati accertati riconosciuti casi in epoche antecedenti. Addirittura nel medioevo l’anoressia era considerata all’interno di un ambito che prevedeva un traguardo spirituale per raggiungere; si parlava infatti di “Santa anoressia” oppure di “digiuni ascetici”; ciò era dovuto in qualche modo all’idea che mortificando il corpo si poteva perseguire virtù spirituali. In realtà sappiamo che anche in India vengono attuati di digiuni terapeutici ma che hanno modalità di attuazione differenti e sono inseriti in un percorso di iniziazione personale che prevedono rituali ed una crescita personale a cui solo pochi possono giungere.

Accenno a questi fatti storici semplicemente per dire che il rapporto con il cibo e con la materia ha delle radici molto profonde e arcaiche nell’uomo e forse può essere d’aiuto per comprendere i vissuti psicologici di chi soffre di anoressia. È come se l’anoressica vivesse simbolicamente una sorta di conflitto interno tra materia e spirito , tra “madre interna” e “padre interno”. C’è una “regressione al vegetale che si nutre della luce del sole”.

Ma andiamo per ordine:

Sintomatologia

  1. 1.      chi soffre di anoressia rifiuta il cibo e di mantenere il peso al di sopra di una minima soglia ritenuta normale.
  2. 2.      Esiste una forte paura di ingrassare anche se è evidente e sottopeso
  3. 3.      esiste una preoccupazione eccessiva per l’aspetto fisico di peso; questo include una alterazione del vissuto corporeo, dello schema corporeo, con conseguenze nefaste per la propria autostima. Non esiste una consapevolezza della gravità per le proprie condizioni fisiologiche
  4. 4.      non si è soddisfatti del proprio corpo
  5. 5.      amenorrea cioè la sospensione del ciclo mestruale
  6. 6.      sul piano psicologico: depressione o ansia
  7. 7.      altre disfunzioni di tipo medico.

 

Naturalmente vanno considerati gli aspetti di tipo psicologico, psichiatrico: esiste una alterazione della percezione della realtà soggettiva; l’ansia la depressione sono esperienze comuni ma tale disagio può essere accompagnato disturbi di personalità in altre parole ad una organizzazione disfunzionale della propria personalità.

 

Per comprendere l’eziologia dell’anoressia vanno considerati diversi fattori su diversi piani: al di là dei fattori scatenanti la malattia vanno considerati fattori sul piano biologico, sociale e psicologico.

Terapia

vanno considerate seconda della gravità dei casi:

  • una terapia nutrizionale.
  • La terapia farmacologica
  • una terapia di tipo psicologico che coinvolga anche la famiglia
  • a volte il ricovero in ospedale o in strutture specializzate qualora esista un pericolo di vita per il soggetto

Differenze con la bulimia nervosa